+39 0424 502498
Seleziona una pagina

MAESTRE SPECIALI

—-

Questa settimana in classe prima abbiamo avuto delle maestre speciali: le nostre compagne di classe quarta

IRENE, AGNESE e LUCIA

IMG_1634

Mercoledì pomeriggio hanno fatto per noi una “MAGIA”,

immergendo delle margherite e del sedano

in acqua colorata di rosso e blu.

IMG_1632

IMG_1633

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Giovedì abbiamo scoperto che le foglie e i petali delle margherite erano diventati un po’ blu, mentre le foglie del sedano avevano strane macchie rosse.

Le nostre speciali maestre ci hanno allora spiegato che in realtà non era proprio una magia, ma un fenomeno scientifico: la CAPILLARITA’.

Attraverso questo ed altri esperimenti ci hanno allora dimostrato che le piante sono attraversate al loro interno da tubicini mediante i quali passano l’acqua e le sostanze nutritive che vengono portate in ogni parte della pianta.

Attraverso altri esperimenti le nostre “speciali maestre” ci hanno fatto capire come l’acqua arriva dalle radici a tutte le parti della pianta, fino alle foglie.

IMG_1644IMG_1642

IMG_1645

.

.

.

.

.

.

.

.

Abbiamo poi osservato lo stesso fenomeno 

eseguendo altri “esperimenti”:

LA SPUGNA

IMG_1656

.

LA ZOLLETTA DI ZUCCHERO

IMG_1658

.

UN MATTONE

(rimasto a contatto per parecchi giorni con acqua colorata)

IMG_1659

.

DUE VETRINI

IMG_1666

.

CARTA ASSORBENTE

IMG_1662

E’ stata una lezione in cui abbiamo imparato

tanto e ci siamo divertiti un mondo!

GRAZIE MAESTRE MAGICHE E SPECIALI!

Aspettiamo voi e i vostri compagni per altri esperimenti!

IMG_1635

IMG_1653

Il vestito da fratino di nonna Antonia

ANTONIA_FR

 

….
Voglio raccontare un periodo della mia vita che io non ricordo ma che è stato documentato da una foto oltre al racconto che hanno fatto i miei.
Avevo circa sei mesi e mi sono ammalata, “gastro enterite fulminante”. Il medico diagnosticò poche ore di vita.
Immaginate la disperazione dei miei genitori, si sono consultati e essendo loro molto credenti e praticanti hanno pensato bene di fare un voto a Sant’Antonio (chiamandomi Antonia doveva essere il mio santo protettore) di vestirmi da fratino per 13 mesi se fossi guarita.Il N° 13 ha un significato particolare per questo santo, infatti quando si chiede a Lui una grazia le preghiere durano per 13 giorni.
Non so se sia stata la grazia di Sant’Antonio o perchè doveva andare così, ma io sono ancora qui viva e vegeta a raccontare tutto questo. Quando guardo la foto penso con quanta fede i miei si sono raccomandati per la mia guarigione e sono stati accontentati.

nonna Antonia

 

IMG_1091

 

Pisellini e farfalline… son più belli i maschi o le bambine?

Siamo partiti ragionando sulla domanda

esistono giochi da maschi e giochi da femmine?

Abbiamo concluso che non siamo d’accordo nelle risposte: per alcuni non esistono giochi da maschi e giochi da femmine ma ognuno sceglie di giocare a ciò che vuole, altri invece dicono che sì, esiste questa differenza nei giochi perché ci sono differenze tra maschi e femmine, ad esempio ci sono giochi più paurosi a cui le femmine non voglione generalmente giocare.

Poi abbiamo allora ragionato sulle differenze che esistono tra maschi e femmine, ecco i nostri appunti:

Assieme abbiamo iniziato anche a leggere questo libro:

Siamo d’accordo con quello che abbiamo letto perché è proprio vero che ci sono alcune femmine che amano vestirsi sportive, amano giocare a calcio… mentre ci sono alcuni maschi che amano giocare a mamma-casetta, amano i fiori ecc…

QUINDI LA VERA SOLA DIFFERENZA E’ NEL CORPO

perchè siamo fatti in modo diverso e questo dipende dal nostro genere sessuale 🙂

E ci siamo tanto diverti a leggere tutti i nomi che di solito si usano per descrivere gli organi sessuali femmili e maschili. E poi abbiamo realizzato anche noi le nostre mutandine con disegnato il soprannome  che ciasuno di noi usa a casa.

Eccoci qui:

IMG_1246 IMG_1247 IMG_1248 IMG_1249 IMG_1250

Alla fine siamo andati a caccia di uguaglianze, perché se é vero che esistono differenze, è vero anche che esistono uguaglianze. Ecco il nostro percorso:

….

AVVENTO

Siamo in AVVENTO e poco per volta nelle nostri classi stiamo accendendo le candele delle corone:

Corona dell’Avvento

Il maestro Emanuele ci ha spiegato che la CORONA DELL’AVVENTO è il canto di una venuta, è cantare con gioia la venuta di QUALCUNO che ti cambia la vita per sempre.

Nella corona ci sono tre segni di questa “venuta”

– la forma di CERCHIO, ricorda l’INFINITO, l’ETERNITA’ (il cerchio nel mondo greco significava anche questo);

– la CORONA, segno del Re dell’Universo che “da ricco che era si fece umile per arricchire noi con la sua umiltà”;

– i RAMOSCELLI rappresentano la NATURA che partecipa e prepara, collabora per questa venuta.

La LUCE delle CANDELE è una luce graduale, progressiva, che non abbaglia, che dà il tempo per innamorarsi.

Ogni candela ha un preciso nome e si collega ad un sentimento:
1. Candela del profeta (candela della speranza)

2. Candela di Betlemme (candela della chiamata di tutti alla salvezza)

3. Candela dei pastori (candela della gioia)

4. Candela degli angeli (candela dell’amore)

Pin It on Pinterest