+39 0424 502498
Seleziona una pagina
GREEN TO SCHOOL A VALROVINA

GREEN TO SCHOOL A VALROVINA

CHE COS’ È

Il Green to school è un progetto presentato dallo stato, approvato dal comune e poi proposto alle scuole che vi aderiscono. Si svolge dall’ 8 al 13 Maggio. Lo scopo è ridurre l’ inquinamento, risparmiare energia, ridurre il traffico e praticare img-20170512-wa0015allenamento fisico andando a piedi o in bicicletta

GREEN TO SCHOOL: LE CRITICITÀ

Ci sono alcune criticità su questo progetto e sono:

1)   i problemi di distanza: ad esempio se a qualcuno piacerebbe andare a scuola a piedi o in bicicletta ma abita troppo lontano, non ci riesce, anche perché ci impiegherebbe troppo tempo e arriverebbe in ritardo;

2)   le previsioni atmosferiche: ad esempio, se piove tanto, un bambino non può riuscire ad arrivare a scuola a piedi o in bici, ma è costretto a prendere la macchina;

3)   ed ultimo, la malattia: se un bambino non riesce a camminare bene, oppure se sta male.

COMUNQUE È MOLTO BELLO QUESTO PROGETTO, NONOSTANTE CI SIANO ALCUNE CRITICITÀ, SAREBBE MERAVIGLIOSO SE DUREREBBE TUTTO L’ANNO!!!

GREEN TO SCHOOL: Come si può attuare

Ogni alunno può partecipare a questo progetto, andando a scuola: a piedi o in bici, così si possono organizzare dei gruppi anche piccoli e ci si può divertire andando a scuola. Si può andare anche in autobus e così si usano poche macchine e poi si inquina meno. Dopo ancora  si può praticare il car pulling cioè la condivisione dell’auto, se qualcuno ha un amico che vive li vicino, gli da un passaggio a scuola al posto di usare due auto.img-20170515-wa0014img-20170515-wa0008

Durante la settimana “Green to school” ognuno di noi si è impegnato a non inquinare troppo, per arrivare all’obbiettivo potevamo andare a piedi, in bici, in autobus o fare car pulling

img-20170511-wa0020 img-20170515-wa0016

img_6813

Earth Day

Earth Day

giorno-della-terra-google-festeggia-giornata-mondiale-della-terra-640x558La Giornata della Terra (in inglese Earth Day), è il nome usato per indicare il giorno in cui si celebra l’ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra. 
La Giornata Mondiale della Terra ha lo scopo di sensibilizzare ciascun cittadino su temi importanti per la sopravvivenza stessa del pianeta, e cioè: l’inquinamento di aria acqua e suolo, la distruzione degli ecosistemi, l’esaurimento delle fonti di energia non rinnovabili, il disboscamento e la “cementificazione selvaggia”.  La spinta verso questa sensibilità ecologista è arrivata proprio dagli Usa, uno dei Paesi che negli anni ha maggiormente contribuito all’effetto serra e provocato anche disatri ambientali significativi, come quello causato dalla fuoriuscita di petrolio dal pozzo della Union Oil nel 1969 al largo di Santa Barbara, in California. Fu proprio da questo disastro che il senatore democratico Gaylord Nelson decise che era arrivato il momento di sensibilizzare opinione pubblica e mondo politico sui temi ambientali.
 Le nazioni Unite celebrano questa festa ogni anno, un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera, il 22 aprile. Nata il 22 aprile 1970 per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali della Terra.

La Giornata della Terra è diventata un avvenimento educativo ed informativo. 

ECCO ALCUNI CONSIGLI 

 Differenziare i rifiuti
 : un sacchetto per la plastica, uno trasparente per i rifiuti organici, sacchetti per carta e cartoni.

Bevi l’acqua del rubinetto.                  Che bello muoversi in bici!                  Come deve essere una casa veramente ecologica?

Usa poco sapone.                           Non gettate mai la carta in terra.

 Coltivare un orto é una delle esperienze più divertenti! L’importante però é farlo nel rispetto totale della natura. Senza pesticidi, riciclando l’acqua e usando solo fertilizzanti naturali! 



La raccolta differenziata é solo uno dei passi della bella arte del riciclare.                Usa i distributori giganti di prodotti di buona qualità.

 

 

 

I nostri laboratori

I nostri laboratori

Ecco….. una sbirciatina ai laboratori fatti dai ragazzi durante la settimana della scienza

CLASSE PRIMA

“MARMELLATA DI STAGIONE”

img_6570

La marmellata è buona in ogni stagione. Le stagioni sono quattro PRIMAVERA- ESTATE-AUTUNNO -INVERNO. Ora con noi scoprirete le nuove marmellate di stagione che si possono conservare a lungo…fatte con fantasia, impegno e amore.

CLASSE SECONDA

“MISURIAMO IL TEMPO CON LA CLESSIDRA”

img_6559

Il primo e più perfetto orologio per gli uomini è stato il SOLE. Veniva usato dagli uomini primitivi per distinguere il giorno dalla notte e permette di dividere la giornata in quattro parti: alba, mezzogiorno, pomeriggio e tramonto.In seguito l’uomo utilizzò l’OBELISCO, una colonna a punta, e misurava con i passi l’ombra che si creava grazie al sole: al mattino l’ombra era più lunga, verso mezzogiorno si accorciava, alla sera si allungava ancora di più.Poi venne utilizzata la CANDELA GRADUATA, era una candela con delle righe disegnate alla stessa distanza l’una dall’altra. Accendevano la candela e si accorgevano del tempo che passava contando le righe che erano sparite. Poi venne inventata la MERIDIANA o orologio solare. E’ formata da un’asta rettilinea, detta stilo, appoggiata su una base piana, cilindrica o leggermente curva, con sopra tracciate delle linee, dette orarie, che indicano le ore della giornata in base a dove cade l’ombra. La usarono gli Egizi, i Babilonesi, i Greci e i Romani e se ne vedono ancora oggi sulle facciate di molte chiese e palazzi antichi. Purtroppo, però, sia obelisco che meridiana non funzionano senza il sole.Perciò l’uomo costruì un nuovo orologio, capace di misurare il tempo anche senza il sole: la CLESSIDRA AD ACQUA, detta anche orologio ad acqua, che fu usata prima dai Babilonesi e dagli Egizi, poi dai Greci e dai Romani. Era formata da un recipiente graduato e forato sul fondo, che si riempiva di acqua che gocciolava in un altro contenitore.Più tardi all’acqua fu sostituita dalla sabbia e si ebbe così la CLESSIDRA A SABBIA, che proverete a costruire anche voi, con il nostro aiuto.img_6679

CLASSE TERZA

“CI MANCA UNA ROTELLA”
img_6562img_6641img_6617img_6641

CLASSE QUARTA

“NUOVA VITA AGLI OGGETTI”

img_6558Gli oggetti che noi utilizziamo hanno una loro storia, che termina quando noi li gettiamo, finendo per riempire le discariche che, dopo alcuni anni, si trasformeranno in una collina di veleni pronta a inquinare il terreno e le falde acquifere…. o finiranno negli inceneritori, dove i rifiuti bruceranno e  immetteranno nell’aria tanti fumi neri che  inquineranno l’aria.Il nostro laboratorio è stato pensato con l’intento di mostrare come  un vecchio congegno non più funzionante può  essere smontato e completamente riassemblato dandogli una nuova vita.  Il riutilizzo permette, quindi, al meccanismo di riacquistare un valore che con il passare del tempo aveva perduto.Ciò che andremo a creare, prende spunto dalle opere dell’artista Amos Torresin.img_6629CLASSE QUINTA

“COME SI MUOVE LA TERRA”img_6560img_6549img_6640img_6549

La sfida dei labirinti

La sfida dei labirinti

Iniziata questa settimana in classe 2^ la grande Sfida dei labirinti:  riusciranno le squadre a portare Cubetto fuori dalle complicate tracce che i loro compagni hanno progettato?

 

SETTIMANA DELLA SCIENZA

FINALMENTE ARRIVA LA SETTIMANA DELLA SCIENZA….

dal 13 marzo al 17 marzo

“IL TEMPO” 

con i due pomeriggi del 23 e 24 marzo dedicati esclusivamente ai laboratori.

 

L’occasione sarà importante, oltre che per scoprire nuove leggi della fisica, confutare i grandi maestri e fare concorrenza a Quark, i nostri piccoli scienziati si cimenteranno con tutto quello che riguarda IL TEMPO e le sue leggi.

I lavori saranno aperti dalla scrittrice Bellemo Cristina che ci parlerà del tempo dentro alle storie.

All’avventura con Don Chisciotte

All’avventura con Don Chisciotte

illustrazione dtratta dal libro

Lunedì 23 parte la nostra avventura, con @DonChisciotteTW senza paura!

Classe 1^ e, forse forse, classe 2^ andranno per la Mancia seguendo Don Chisciotte e Sancho Panza.
Partecipiamo infatti per la prima volta alle proposte di TWletteratura e proprio la lettura del Don Chisciotte nell’ edizione Lapis sarà la nostra “sfida”.

Leggere, rielaborare, commentare, condividere… e ai mulini a vento dare forma e movimento!!

Se volete seguire il nostro cammino venite su Twitter a trovarci da vicino 🙂

 

Pin It on Pinterest