+39 0424 502498
Seleziona una pagina
I nostri laboratori

I nostri laboratori

Ecco….. una sbirciatina ai laboratori fatti dai ragazzi durante la settimana della scienza

CLASSE PRIMA

“MARMELLATA DI STAGIONE”

img_6570

La marmellata √® buona in ogni stagione. Le stagioni sono quattro PRIMAVERA- ESTATE-AUTUNNO -INVERNO. Ora con noi scoprirete le nuove marmellate di stagione che si possono conservare a lungo…fatte con fantasia, impegno e amore.

CLASSE SECONDA

“MISURIAMO IL TEMPO CON LA CLESSIDRA”

img_6559

Il primo e pi√Ļ perfetto orologio per gli uomini √® stato il SOLE. Veniva usato dagli uomini primitivi per distinguere il giorno dalla notte e permette di dividere la giornata in quattro parti: alba, mezzogiorno, pomeriggio e tramonto.In seguito l’uomo utilizz√≤ l’OBELISCO, una colonna a punta, e misurava con i passi l‚Äôombra che si creava grazie al sole: al mattino l‚Äôombra era pi√Ļ lunga, verso mezzogiorno si accorciava, alla sera si allungava ancora di pi√Ļ.Poi venne utilizzata la CANDELA GRADUATA, era una candela con delle righe disegnate alla stessa distanza l’una dall’altra. Accendevano la candela e si accorgevano del tempo che passava contando le righe che erano sparite.¬†Poi venne inventata la MERIDIANA o orologio solare. E’ formata da un‚Äôasta rettilinea, detta stilo, appoggiata su una base piana, cilindrica o leggermente curva, con sopra tracciate delle linee, dette orarie, che indicano le ore della giornata in base a dove cade l’ombra. La usarono gli Egizi, i Babilonesi, i Greci e i Romani e se ne vedono ancora oggi sulle facciate di molte chiese e palazzi antichi. Purtroppo, per√≤, sia obelisco che meridiana non funzionano senza il sole.Perci√≤ l‚Äôuomo costru√¨ un nuovo orologio, capace di misurare il tempo anche senza il sole: la¬†CLESSIDRA AD ACQUA, detta anche orologio ad acqua, che fu usata prima dai Babilonesi e dagli Egizi, poi dai Greci e dai Romani. Era formata da un recipiente graduato e forato sul fondo, che si¬†riempiva di acqua che gocciolava in un altro contenitore.Pi√Ļ tardi all‚Äôacqua fu sostituita dalla sabbia e si ebbe cos√¨ la¬†CLESSIDRA A SABBIA, che proverete a costruire anche voi, con il nostro aiuto.img_6679

CLASSE TERZA

“CI MANCA UNA ROTELLA”
img_6562img_6641img_6617img_6641

CLASSE QUARTA

“NUOVA VITA AGLI OGGETTI”

img_6558Gli oggetti che noi utilizziamo hanno una loro storia, che termina quando noi li gettiamo, finendo per riempire le discariche che, dopo alcuni anni, si trasformeranno in una collina di veleni pronta a inquinare il terreno e le falde acquifere…. o finiranno negli inceneritori, dove i rifiuti bruceranno e¬† immetteranno nell’aria tanti fumi neri che¬† inquineranno l’aria.Il nostro laboratorio √® stato pensato con l‚Äôintento di mostrare come¬† un vecchio congegno non pi√Ļ funzionante pu√≤¬† essere smontato e completamente riassemblato dandogli una nuova vita.¬† Il riutilizzo permette, quindi, al meccanismo di riacquistare un valore che con il passare del tempo aveva perduto.Ci√≤ che andremo a creare, prende spunto dalle opere dell‚Äôartista Amos Torresin.img_6629CLASSE QUINTA

“COME SI MUOVE LA TERRA”img_6560img_6549img_6640img_6549

I laboratori di scienze

I laboratori di scienze

Finalmente i laboratori di scienze ” IL TEMPO”

Ecco le nostre proposte:

classe prima

“MARMELLATA” DI STAGIONE

 

classe seconda

“MISURIAMO IL TEMPO CON LA CLESSIDRA”

 

classe terza

“CI MANCA UNA ROTELLA”

 

classe quarta

NUOVA VITA AGLI OGGETTI, “ANIMALS MECHANISMS”

 

classe quinta

” COME SI MUOVE LA TERRA”

 

 A tutti  buon divertimento !

Lavori in corso de “La settimana della scienza”

Lavori in corso de “La settimana della scienza”

In breve alcuni lavori in corso de “La settimana della scienza”
img_6554

Ad aprire la settimana è stata la famosa scrittrice CRISTINA BELLEMO con il laboratorioimg_6511

– “IL TEMPO NELLE STORIE….”

Cristina ha risposto ¬†ai bambini sulle curiosit√† , sulla voglia di sapere , di scoprire, di conoscere……..

Due ore di assoluto STUPORE. 

                     img_6508

 

 ECCEZIONALE   !!!

¬†– “LA PANCA SENZA TEMPO”¬†

La panchina – dovunque sia collocata – rappresenta un punto di intersezione tra un tempo lento ed un tempimg_6520o che, invece, scorre veloce. Chi siede su una panchina, nel momento in cui lo fa, si mette fuori dal tempo veloce degli altri ed entra in un tempo rallentato e pigro… Ci√≤ gli consente di osservare la realt√† da un’altra prospettiva, che fa sembrare la velocit√† a cui si muove il mondo un po’ da comica finale.¬†In pi√Ļ, mettendosi fuori dal tempo veloce, ci si colloca in un punto di osservazione privilegiato e, allora,¬†ci si accorge che accadono cose che, quando indaffarati e trafelati siamo trascinati in avanti senza sosta dalla freccia del tempo, non avremmo mai potuto osservare.¬†La panchina, ancora, √® un luogo con una sua spazialit√†, che – avendo delle regole temporali sue proprie – √® anche extra-spaziale (potrebbe anche essere una navicella dei desideri, un tappeto magico, una macchina del tempo¬†e quant’altro): un luogo che consente di decollare con la mente verso un “Altrove”.

– “TROVA IL TEMPO PER…..”

Ogni giorno abbiamo sperimentato o meglio abbiamo trovato il tempo perimg_6518

img_6517


img_6516

CREARE ¬†– CHIACCHIERARELEGGERECONOSCERE L’ALTROGIOCARE¬†sempre con un compagno diverso.

img_6515img_6513img_6512
img_6514

Pin It on Pinterest